Nasce il primo forum italiano per l'Ingegneria Biomedica

IngegneriaBiomedica.org presenta un progetto interamente italiano: la prima Community online di condivisione di idee per l'Ingegneria Biomedica. Unisciti a noi in questo ambizioso progetto!

Esperienze di lavoro di laureati italiani in Ingegneria Biomedica in Italia e all'Estero
#881
Ciao a tutti, sono Raffaela e studio Ingegneria Informatica e Biomedica a Catanzaro e da tempo giustamente mi pongo domande riguardo sbocchi lavorativi nel campo biomedico e volevo sapere gentilmente come è collegata la biomedica con l'industria farmaceutica e quindi farmacia? Quali apparecchiature biomedicali vengono realizzate e distribuite per le farmacie?
Pongo questa domanda che all'apparenza potrà sembrare banale, ma è risaputo che l'università purtroppo non ci spiega bene quali siano i possibili sbocchi, immergendoci solo in tanta teoria senza pratica alcuna.
Mi piacerebbe avere a che fare con il settore delle farmacie da biomedico.
#882
Ciao Raffaela,
io sono un ingegnere biomedico che lavora in ambito farmaceutico, ma mi occupo di innovazione, quindi proprio un'altra cosa.

Conosco però tantissimi ingegneri biomedici che lavorano in azienda e principalmente si occupano di:
- sviluppare sistemi per il drug delivery;
- utilizzare software per la modellazione di sistemi biologici e le simulazioni, oppure per l'ingegneria genetica;
- macchine per la manifattura di farmaci in larga scala.
Inoltre, direi che quasi tutte le grandi aziende farmaceutiche hanno un dipartimento specializzato in medical device, e lì gli ingegneri biomedici abbondano.

Nota: spero di aver risposto alla tua domanda. Ho assunto che tu parlassi di grandi aziende farmaceutiche, non di farmacie che vendono al dettaglio. Se non è così, fammi sapere e sarò felice di riparlarne! :)
#1125
Ciao Maria Teresa,
è passato un po' dalla tua risposta, ma provo comunque a commentare.
Sto per intraprendere un percorso di laurea magistrale in ingegneria biomedica, e una delle possibili carriere che più mi piacerebbe seguire è quella nell'ambito farmaceutico, soprattutto per quanto riguarda il drug delivery.
In base alla tua esperienza che tipo di conoscenze tornerebbero utili in questo campo? Oppure, secondo te, quale sarebbe l'indirizzo più adeguato per seguire questa strada?
Ti ringrazio in anticipo per la disponibilità 🙂
#1132
Ciao Leo,
Io non sono una esperta di sistemi di rilascio di farmaco e non lavoro come tale, ma proverò a rispondere alle tue due domande.
Ti anticipo che le risposte sono collegate.

Rispondo prima alla tua domanda “Quale sarebbe l’indirizzo più adeguato per seguire questa strada?”: ho visto che ci sono dei master specifici per chi è interessato al drug delivery, alcuni dei quali durano soltanto un anno.
Ti invio alcuni esempi:
- MSc of Drug Delivery Systems Engineering, DTU, in Danimarca;
- MSc of Advanced Drug Delivery, Strathclyde University, nel Regno Unito;
- MSc of Pharmaceutical Engineering, University of Sheffield, nel Regno Unito.
Inoltre, se sei interessato alla materia potresti pensare di focalizzare i lavori di tesi su questo ambito di ricerca. Quasi tutte le università aventi l’indirizzo di Ingegneria biomedica hanno interesse nella ricerca in questo ambito.

Adesso passiamo alla tua domanda “Quali conoscenze tornerebbero utili in questo campo?”. Per rispondere a questa domanda ti suggerirei di andare a leggere i programmi dei corsi di studio che ho menzionato qui sopra.
Essi includono competenze come (ne cito qualcuna):
- Progettare particelle e metodi di produzione (come cristallizzazione e precipitazione, sospensione, CVD, etc.)
- Selezionare materiali adatti per la formulazione di sostanze farmacologiche sulla base della comprensione fisico-chimica delle proprietà molecolari e della biocompatibilità;
- Misurare e descrivere le interazioni molecolari tra farmaci e formulazioni, così come l'interazione di farmaci e formulazioni con biomolecole, cellule e tessuti;
- Utilizzare metodi avanzati di imaging per studiare la biodistribuzione e la farmacocinetica dei sistemi di somministrazione dei farmaci.

Spero di aver risposto alle tue domande.
Buona giornata,
Mari
#1149
Buongiorno Maria Teresa,
Mi chiamo Rossella e sono una studentessa al terzo anno di Sistemi Medicali al Politecnico di Bari. Mi piacerebbe continuare il mio percorso di studi con una magistrale che mi permetta di lavorare in ambito farmaceutico. Mi saprebbe consigliare dei corsi magistrali in Italia più consoni per fare questo? Non vorrei rimanere qui a Bari data l'esperienza negativa della triennale al poliba.
La ringrazio anticipatamente.
#1152
Ciao Rossella,

Ti prego di darmi del tu e mi permetto di fare lo stesso.

Come ho già detto non sono un'esperta in materia ma provo a rispondere.

Non mi risulta che ci siano magistrali in Ingegneria farmaceutica in Italia.

Ci sono però:
- magistrali in Ingegneria Chimica e/o dei Processi Industriali (https://elearning.unipd.it/dii/course/view.php?id=765), Biotecnologie farmaceutiche, etc.;
- master specifici per l'ambito farmaceutico come quello su cGMP Compliance and Validation (http://cgmp-validation.unipv.it/);
- opportunità all'estero come quelle citate sopra.

Per decidere al meglio, ti consiglio inoltre:
- di capire che ruolo vorresti ricoprire in un'azienda farmaceutica (potresti voler lavorare in R&D, in Controllo qualità, nel campo della sicurezza o della ottimizzazione dei processi, etc.);
- sfruttare la possibilità di fare la tesi in laboratorio su un tema caro all'industria farmaceutica o in una azienda farmaceutica (so per certo che ci sono dei centri di produzione di farmaci a Bari).

Spero di esserti stata d'aiuto!

Buona serata,
Mari
#1153
Ciao Maria Teresa,
Ti ringrazio per la velocissima risposta e per la tua chiarezza! Nel settore farmaceutico mi piacerebbe maggiormente lavorare nella ottimizzazione ed esecuzione di processi, per questo pensavo anche al corso magistrale in bioingegneria industriale dell'università di Padova (mi farebbe piacere avere un tuo parere sul corso). Inoltre, potrei facilmente continuare con il master da te consigliato sempre a Padova.
Saluti,
Rossella

Ciao Lucia! So che all’Università di[…]

Effetti Risonanza Magnetica

Buongiorno! Fammi capire, intendi se il corpo uman[…]

Grazie mille. Sono contento di aver avuto rispost[…]

...ti piacerebbe collaborare come moderatore ?