Nasce il primo forum italiano per l'Ingegneria Biomedica

IngegneriaBiomedica.org presenta un progetto interamente italiano: la prima Community online di condivisione di idee per l'Ingegneria Biomedica. Unisciti a noi in questo ambizioso progetto!

Esperienze di studio nei corsi di laurea in Ingegneria Biomedica degli atenei italiani ed esteri
di Emanuela
#1184
Buongiorno! Sono in 4 liceo e ho fatto il TOL anticipato del Polimi per Ing. Biomedica e il mio obiettivo è realizzare protesi o tessuti.
Ho letto che le opportunità di lavoro in Italia sono scarse e questo mi fa pensare oltre che mettermi ansia.
Vi chiedo innanzitutto se mi consigliereste un’altra ingegneria triennale per raggiungere l’uno o l’altro obiettivo o le specialistiche poi me lo consentono.
Vi chiedo se è meglio già pensare ad una università estera per la magistrale e cosa mi consigliereste, anche oltreoceano.
Vi chiedo anche che opportunità di lavoro reali ci sono in Italia per progettazione di protesi o tessuti.
Grazie Emanuela
Avatar utente
di Ste Pani
#1186
Ciao!
Emanuela ha scritto:
Vi chiedo innanzitutto se mi consigliereste un’altra ingegneria triennale per raggiungere l’uno o l’altro obiettivo o le specialistiche poi me lo consentono.
Io sinceramente ho sempre pensato che il problema non sia il corso di laurea scelto ma bensì il lavoro in sé che scarseggia. Per cui se il tuo obbiettivo sono le protesi o l'ingegneria dei tessuti, secondo me il corso migliore da seguire è proprio ingegneria biomedica con maggior riguardo al ramo dell'ingegneria industriale, soprattutto alla meccanica, ma anche ai biomateriali, alla chimica, alla biologia e all'anatomia.
Emanuela ha scritto:
Vi chiedo se è meglio già pensare ad una università estera per la magistrale e cosa mi consigliereste, anche oltreoceano.
Sicuramente un'esperienza all'estero è sempre ben vista da aziende e da università, oltre ad essere anche una buona esperienza formativa per lo studente.
In realtà penso che potrebbe bastare anche solo l'erasmus e la tesi all'estero anche se sei in un'università italiana.
Inoltre, uno dei problemi che ho riscontrato nelle aziende italiane è che per poter lavorare in tali ambiti è quasi sempre necessaria già un'esperienza nello stesso settore, cosa che in realtà è un cane che si morde la coda.
A questo punto una buona idea potrebbe essere lavorare all'estero per poi cercare di tonrare in Italia (o restare all'estero direttamente).
Purtroppo non sono in grado di consigliare università estere, penso dipenda molto dal tuo obbiettivo finale, cosa che magari riusciarai a capire melgio dopo la triennale.
Emanuela ha scritto:
Vi chiedo anche che opportunità di lavoro reali ci sono in Italia per progettazione di protesi o tessuti.
Per quanto riguarda le protesi, avevo dato una risposta tempo fa che ho aggiornato da poco con alcuni nomi di aziende italiane, La puoi trovare qui.
Ogni tanto cercano personale, ma non tanto spesso.

Per quanto riguarda l'ingegneria dei tessuti, al momento ho visto quasi solo applicazioni in ambito di ricerca universitaria, non conosco aziende che si occupano di questo settore ma non è detto che non ce ne siano. In questo caso il percorso da compiere sarebbe un dottorato di ricerca dopo la laurea magistrale o comunque assegni di ricerca.

Potrebbe esserci dell'altro ma al momento le mie conoscenze in merito finiscono qui. Spero almeno di aver dato risposta alle tue domande principali.

...ti piacerebbe collaborare come moderatore ?