Nasce il primo forum italiano per l'Ingegneria Biomedica

IngegneriaBiomedica.org presenta un progetto interamente italiano: la prima Community online di condivisione di idee per l'Ingegneria Biomedica. Unisciti a noi in questo ambizioso progetto!

Esperienze di studio nei corsi di laurea in Ingegneria Biomedica degli atenei italiani ed esteri
#752
Buongiorno a tutti,
ho deciso di scrivere un post nel quale spiegherò un pochino la mia esperienza con questa magistrale un po' unica al mondo (non sto esagerando e capirete il perchè :D ).

Ho studiato ingegneria biomedica alla triennale dell'università di Pisa e sono sempre stato deciso nel continuare con ingegneria robotica e dell'automazione alla magistrale, sostanzialmente non aspettavo altro che finire per iniziare a studiare robot industriali e teoria dei sistemi o del controllo.
Un po' così per caso mi imbatto nel bando della scuola superiore sant'anna di pisa, dove leggo per la prima volta di bionics engineering (ingegneria bionica in italiano).
Leggendo, capisco che è una via di mezzo fra robotica e biomedica, forse un modo per studiare quel mondo affascinante della robotica (che nel programma si concentrerà soprattutto su soft robotics) senza abbandonare completamente il mondo della biomedica (protesi robotiche o esoscheletri per la riabilitazione).
Allora continuo ad informarmi, e scopro che i posti sono molto pochi: 20 posti in totale (15 per studenti europei e la restante parte studenti non-EU).
Faccio del mio meglio allora a partire dalla tesi triennale, preparo un bel curriculum e invio tutta la documentazione.
Passo la prima fase con il minimo punteggio :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:
La seconda ed ultima fase consiste in colloquio orale nel quale la commissione ha testato le mie capacità tecniche, di logica e soprattutto ... capacità di cavarsela nelle situazioni veramente brutte. Viene fatta una domanda alla quale non puoi sostanzialmente rispondere con le tue capacità attuali, e forse vogliono vedere come te la cavi per uscirtene.
Prendo il massimo punteggio al colloquio orale 8-) 8-) 8-)

Sono dentro a Bionics Engineering. Eccoci qua.
Iniziano le lezioni (tutte in inglese), ci sono corsi interessanti, altri un po' meno. La classe sembra quella di un liceo anche se ovviamente ci sono similitudini fra le persone selezionate dalla commissione.
Il primo semestre ho incontrato materie di base su segnali, sensori, neuroscienze, data mining e biomeccanica. A scelta è possibile optare per dei corsi più specializzati come meccanica delle strutture biorobotiche e neuromorphic engineering.
Ora sono al secondo semestre e le materie sono più affini al settore di Computer Engineering (reti neurali, fuzzy logic, computational neuroscience) e una materia avanzata sull'analisi dei segnali stocastici.

Il primo anno è molto "biomedico + informazione" mentre al secondo anno ci si divide in due curriculum:

"BIOROBOTICS o NEURAL ENGINEERING"

Io opterò molto probabilmente per il primo, essendo la robotica il mio intento iniziale, quindi ad ottobre inizierò a vedere magari qualche materia più affine al settore della robotica medicale, protesi o esoscheletri.

Non so cosa mi aspetta (PhD?) sinceramente e dove andrò a finire (disoccupato :oops: ), ma una cosa penso di averla capita: in questo corso sei un po' solo di fronte ad un settore poco definito. Non sei un animale da cortile, ma devi un po' cavartela da "bestia selvatica" che fa un po' a modo suo, o per lo meno questo è il mio approccio al momento. Non sono il tipo che segue tutte le lezioni se lo annoiano. Spero molto nel secondo anno, perchè il primo è stato un po' generale e superficiale secondo me , e non ho potuto considerare neanche l'erasmus perchè non ci sono università che affrontino con lo stesso approccio certe materie. So di un laboratorio di soft robotics ad Harvard e uno in Giappone, ma una magistrale che si occupi solo di questo mi sa proprio che ancora non esiste.

Vi terrò aggiornati se lo vorrete, e per il resto se avete bisogno chiedete pure info qui sotto :)
Grazie per l'attenzione ;)
#753
Ciao,
io sono al terzo anno di ingegneria meccanica (con indirizzo biomedico) a Firenze, e, visto che mi piacerebbe studiare biorobotica, pensavo di fare domanda al sant'anna.
Conosci qualcuno che ha fatto ingegneria meccanica alla triennale e che poi è riuscito a entrare? Non vorrei che fosse un po' un discriminante..
E all'orale fanno solo domande di logica o anche su materie più matematiche o ingegneristiche?
Grazie mille! :)
#754
Ciao flavia, puoi benissimo provare anche da meccanica ma ricorda che bionics fa riferimento al dipartimento di ingegneria dell'informazione, quindi soprattutto il primo anno ti troverai di fronte tante materie tipiche del ramo "informazione".
Magari al secondo anno ti troverai meglio con le materie di robotica, ma questo non posso dirtelo nemmeno io ancora :D

Per quanto riguarda l'orale, oltre alle domande di logica fanno anche domande molto più specifiche sulle materie della triennale, come ad esempio teoria dei segnali o elettronica. Dipende anche dal tuo bagaglio culturale ecco, non si può dire a priori secondo me :)

Chiedi pure se hai bisogno ed in bocca al lupo ! ;)
#784
Il mio voto alla triennale è stato 104/110, ma sicuramente un ruolo importante l'ha avuto il mio lavoro di tesi e le tematiche trattate. Quindi ti consiglio di non pensare solo al voto di laurea, ma di sviluppare determinate capacità che non sempre ti verranno date dai corsi universitari :)
#816
Buongiorno, sto per finire la triennale e sono indeciso come lo eri tu tra Robotica e Automazione e Bionics inidirizzo biorobotics. In realtà ero fortemente indirizzato per Bionics peró ho parlato con dei ragazzi che stanno per frequentare il secondo anno e me ne hanno parlato malissimo, che risulta troppo generale. Tu cosa ne pensi del secondo anno?
#818
Ciao, sapresti darmi maggiori informazioni sul modo di agire del Sant’Anna? Sbaglio o siete molto seguiti perché siete pochi? Inoltre per la promozione delle eccellenze non si preoccupano di aiutarvi molto per trovare un’ottima posizione lavorativa? E se si, quali ruoli vengono ricoperti di solito?
#821
C'è sicuramente una maggiore attenzione dovuta al fatto che i partecipanti al corso sono veramente pochi. A livello lavorativo bho, nel senso che i primi laureati stanno uscendo ora, quindi non saprei.
In ogni caso penso che le occasioni lavorative siano frutto di tante variabili, e soprattutto non ci sarà nessuno a metterti su un piatto d'argento un'occasione lavorativa solo perché la magistrale é erogata in collaborazione col Sant'Anna.
#823
ciao, sono interessata anche io a questo corso. Posso chiedere su quale argomento verteva la tua tesi di laurea per la triennale?
"Metodi basati su EEG per la diagnosi di disturbi neurologici e neuropsichiatrici"
Questo è il titolo della mia tesi triennale. Non ci azzecca nulla con la biorobotica ma in quel periodo mi appassionava questo argomento :D

Ciao Elena, per quanto riguarda un libro di testo […]

Ciao a tutti!

Ciao Giusy, Benvenuta tra noi :-) Spero troverai m[…]

seconda laurea dopo Medicina

Mah, non vorrei sembrarti troppo disfattista, ma f[…]

Discussione molto interessante. Sono appena arriva[…]

...ti piacerebbe collaborare come moderatore ?