Nasce il primo forum italiano per l'Ingegneria Biomedica

IngegneriaBiomedica.org presenta un progetto interamente italiano: la prima Community online di condivisione di idee per l'Ingegneria Biomedica. Unisciti a noi in questo ambizioso progetto!

Esperienze di studio nei corsi di laurea in Ingegneria Biomedica degli atenei italiani ed esteri
Avatar utente
di TheShepherd
#69
Salve,vorrei aprire questo topic per discutere delle vostre esperienze di studio. Premetto che sto per iniziare il secondo anno al Politecnico di Torino,che per chi non lo sapesse,ha il primo anno in comune con tutti gli altri indirizzi di studio; ciò naturalmente non mi ha permesso ancora di entrare effettivamente in quelle che sono considerate le materie proprie a biomedica. C'è qualcuno che ha terminato la triennale o meglio anche la magistrale che può esprimere pareri su piani di studi,organizzazione,ecc. ? :)
Inoltre sarebbe interessante capire anche negli altri atenei com'è organizzata la cosa,così per confrontarci,
Attendo! :) :)
Avatar utente
di Gaetano Moceri
#71
Ciao :) Io ho finito la triennale a Marzo e ho iniziato la magistrale subito dopo.. ti posso dire che il secondo anno di triennale comincia ad essere interessante con Fisiologia (al primo semestre) ed elettronica (al secondo) dove si fanno parecchie ore di laboratorio al termine delle quali avrete realizzato uno stadio di amplificazione di un ECG analogico! Il consiglio che ti do è quello di essere sempre curioso e di studiare per imparare veramente a fare le cose, e non per passare gli esami!
Il terzo anno è davvero bellissimo: eccezion fatta per termodinamica applicata non c'è stata una sola materia che non mi è piaciuta, anche se l'unica (enorme) pecca è che abbiamo fatto veramente pochissima pratica. Se vuoi chiedere qualcosa in particolare, fai pure! ;)
Avatar utente
di Emilio Andreozzi
#72
Ragazzi come ho scritto nell'AVVISO PER NUOVE DISCUSSIONI, cerchiamo di creare singole discussioni per singoli atenei. ;)
Magari visto che TheShepherd studia al Politecnico di Torino, potrebbe essere interessante per lui iniziare ad avere pareri proprio su questo ateneo, dunque rendiamo la discussione dedicata solo a questo, poi, quando ci sarà qualcun'altro con esperienze di studio in un altro ateneo, aprirà la relativa discussione. ;)
Avatar utente
di Martina
#120
Ciao! Io ho preso la laurea triennale e sto frequentando la specialistica al Politecnico di Torino.

Appartengo a un anno di immatricolazione "sfigato" perchè durante i miei studi l'organizzazione del corso è continuamente cambiata: questi cambiamenti servivano a rendere il corso più attuale e sicuramente adesso è migliore, ma per noi non è stato piacevole veder cambiare continuamente le carte in tavola in croso d'opera! Per questo motivo ti posso dare il mio parere solo dal punto di vista puramente accademico e non sul quadro generale.

Alla triennale vengono portati avanti sia corsi più elettronici che corsi più meccanici; sono tutti corsi obbligatori e viene offerta pochissima possibilità di scelta (nell'arco dei 3 anni ci sono solo 2 esami a scelta, uno al primo e uno al terzo anno). Se da un lato questa condizione è caratteristica dell'ingegnere biomedico, dall'altro può essere pesante per chi, come me, ha una netta preferenza per uno dei due rami. Alla fine della triennale mi sono trovata un po' demoralizzata: mi chiedevo se essere un ingegnere biomedico significasse obbligatoriamente fare un po' di tutto, un'idea che non mi andava molto a genio.

La specialistica è tutta un'altra storia: ti consente di approfondire davvero i tuoi interessi, anche grazie al grande numero di esami a scelta. Anche qui ci sono corsi sia elettronici che meccanici, ma vengono inquadrati nella giusta ottica. Viene sempre spiegato perchè una determinata nozione è importante e i professori parlano molto di quella che è la reale professione dell'ingegnere: insomma, meno concetti teorici campati per aria e più esempi pratici. Devo dire che sono molto soddisfatta della specialistica al Politecnico (problemi di riorganizzazione a parte, che ancora ci tormentano).

Nel complesso, i professori sono molto competenti (tranne qualcuno, ma pochi) e più o meno alla specialistica si incrontrano gli stessi della triennale, soprattutto quelli dell'ultimo anno.

Al terzo anno della triennale c'è il tirocinio: se sfruttato bene, è una bellissima esperienza. Dico se sfruttato bene perchè a causa del grande numero di studenti ci sono anche tirocini tappa-buchi, nei quali ti ritrovi a fare ricerca bibliografica per settimane e settimane... non molto interessante!

Spero di essere stata utile! Buona fortuna! =)
Ultima modifica di Martina il giovedì 7 marzo 2019, 17:35, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
di TheShepherd
#123
Ciao Martina,ti ringrazio per la tua risposta. Comunque da una parte son contento che alla triennale ancora non danno una netta distinzione tra Meccanica ed Elettronica perché non tutti magari hanno una preferenza così marcata a questa età :D .
Posso chiederti in che ramo ti stai specializzando?

Salve a tutti ragazzi, mi chiamo Rosaria, mi son[…]

Ingegneria biomedica a Napoli

Salve a tutti, sono una ragazza che frequenta l'ul[…]

CONSIGLIO SCELTA MAGISTRALE

Ti ringrazio per la risposta, ad esempio io vorrei[…]

Ciao a.pisono24 sono nella tua stessa situazione a[…]

...ti piacerebbe collaborare come moderatore ?